A Signorina Amelia

Signorina Amelia Barberi, mia zia, abitava in via Vittorio Emanuele accanto la chiesa di Santa Maria Maddalena (Paolo Barberi )

Sia lodato Gesù Cristo le dicevamo quando la incontravamo, e lei rispondeva sempre con lo stesso sorriso: Sempre sia lodato! (Turi Terzo )

Era mia madrina e fino a quando è morta non ha mai dimenticato di farmi gli auguri per il mio compleanno (Lucia Gianfriddo )

Ni facia a duttrina pi' farini a primma cumunioni, e se nun sapiumu u credu, ca era loncu, o a Salvi Riggina o l'Attu 'i duluri nun puriumu ne' cunfissarini ne' pigghiarini a cumunioni.
Pi' pigghiarini a cumunioni nun puriumu mangiari primma di na mattinata, sulu l'acqua ni putiumu biviri.
Appuoi pi' l'ostia c'erunu reguli difficili, nun si puria muzziari o mastiari, ma sino' si facia piccatu murtali.
(Turi Terzo )

 Ma ricordo sempri che manu nto piettu.... (Maria Grazia Paparone)

Quannu a signurina Amelia si pigghiava a cumunioni si mittia i manu supra u piettu, ca era quantu na taula quatra, e paria na Maronna an estasi ca talia a Gesù bambino.
Doppu ca si pigghiava a cumunioni paria ca passava un Santissimu, commu po Corpis, quannu u parrinu biniricia l'altarini ca faciumu ni ogni quartieri. (Turi Terzo )

 Sempri avia i manu nto piettu macari quannu caminava canali canali... (Maria Grazia Paparone)

O parrinu ci tiniunu na speci di paracqua raccamatu, davanti nu chierichettu co' 'ncensu e di latu n'autri dui ca ci allargavunu a favira do mantello bianco raccamatu. (Turi Terzo )

Io ricordo solo che era quella che portava i pacchi di pasta alle famiglie per farli votare Democrazia Cristiana. Scusatemi ma avevo solo sei anni e i bambini semplificano enormemente le cose (Giuseppe Gaetano Trigili )

 Quante buste della spesa portate.... e quante caramelle mangiate ... (Giuseppe Campione)

Iu ci purtava a spisa ca si facia ne mannonna nane' a munachitta,
E mi lassava sempre mille Lire di mancia... (Francesco Ripa)

 Io ricordo che durante i cortei funebri lei diceva il rosario coinvolgendo tutti gli accompagnatori (Marilena Mazzone)

Salutava sempre a tutti infatti c'è il detto "mi pari a signurina Melia " (Anna Maria Pappalardo )

 Suo fratello era Dottore a Messina e se ricordo che era specializzato in pediatria . Quando ogni tanto veniva a Buccheri di estate visitava i bambini gratis nell'abitazione dove adesso abita Vincenzo Trigili (Francesco Mazza)

Era piccola ma dolce e regale allo stesso tempo. La Rocca di Buccheri degli anni sessanta. (Karen Maria Berna-Hicks )

 La ricordo benissimo quando da ragazzino andavo a messa e lei suonava il pianoforte posto a fianco della prima colonna di fronte all'altare .la signorina Amelia per Buccheri è sempre stata una istituzione (Tavano Vito)

 


 

 

© Buccheri Antica