RANDONE VITO (DON VITU CODDULONCU)
Sono felice di farvi ricordare una persona dall'animo nobile, dal cuore spontaneo e sincero; una persona che rispettava tutti; una persona dalla dialettica unica e originale quant'altri mai; una persona inimitabile. Sono contento sopra tutto per i suoi familiari, che devono essere orgogliosi di lui.(Tanino Cannata )

 L'uomo che parlava con gli animali!!!!(Biagio Cantale)

Pace all'anima sua. Una persona molto divertente e sincera (Francesco Mazza )

SAPIA ATTACCARI I CANI CHE PAROLI.....
a noi una volta ha raccontato che era a letto con sua moglie mentre facevano l'amore" resi l'ultimi risacchi e ci cari' u capizzali na testa...(Nella Calisti)




Cosa d' iscrivilla n't invarduni vecchiu
A noi intimi amici ci raccontava sempre quella quando tornò a casa dal lavoro e trovò la moglie piegata che lavava i panni e il sangue gli salì alla testa e...
cci desi quattro corpi ccà spaccaiu a pila
( dove lavava ).(Vito Buccheri )


Vitu Coddulongu, al secolo Vito Randone, buon'anima.. Famosi i suoi detti.. Uno fra tanti, ( i politici janu i facci quantu cofini i machina, bedda tunna) (Maria Grazia Paparone )


Vitu Vitu....c'e' n'surci nno casciuolu!!!!! ...................... Sarbulu!!!!! (Giuseppe Ziccone)

ammentri ca lava i robbi, du pintunati nnè cianchi, u sai che spiciali.......(Trigili Francesco)

ai pane e nutella (rivolto a noi giovani).(Vittorio Calisti)

sicuramente una gran bella persona che nonostante non fosse andato tanto a scuola e non abbia mai letto un libro in vita sua era molto educato e rispettoso con tutti. i suoi racconti anche se a volte piccanti e molto coloriti non erano mai offensivi verso altri. Ma è per la sensibilità con cui gestiva il proprio figlio Santino. come lo portava in giro con orgoglio e con quale delicatezza si volgeva a lui . Che lo fanno grande, ciao don Vito è cosi che va chiamato un gran lavoratore come lui morto in trincea mentre lavorava. Era sicuramente più delicato di tanti dotti e laureati cafoni che vi sono oggi in giro. (Enzo Costantino)

Daa vota ca turnava da Svizzira cu na biliggia 'i cicculatti, u cauru ca s'allampava e i cicculati ca si squagghiavununu, i robbi annatavunu intra a valiggia e appuoi vinnunu macari i lapuni, appena antisunu u ciaru de cicculatti, commu trasì u percia biglietti si n'appi a scappari ca si scantava de lapuni   (Turi Terzo )

Na vota ci dissi a 'n carrabbinieri ca vulia babbiari: Chi è daveru ca ti tagghianu a vina do quagghiu?" (Turi Terzo )

Iddu e Forfici, commu chiamava a sa cumpari Scaticchiu ni cuntaunu storii ca ni faciunu pisciari de risati, grandi personaggi, unici, travagghiaturi e schirzusi  (Turi Terzo )

grande personalità una forza d'allegria ....eravamo vicini di casa. Sono convinta che anche lassù tiene testa a tutti...(Marilena E Elio Iannello)

Un aneddoto del grande Vito: era dal barbiere a farsi tagliare i capelli. Entrò suo figlio, lo guardò e gli disse: "Minchia, chi ssì làliu, papà!" - E lui gli rispose: "A tu non t'a taliàu 'nto spècchiu!".(Tanino Cannata )

la storia del capezzale lo ha raccontato pure a me. Grazie a Enzo Costantino per le parole sincere e vere. Perché cosi era mio suocero. Ed e vero Tanino Cannata sono orgogliosa di lui. Di averlo conosciuto e aver passato dei momenti stupendi con lui. Grazie a tutti per le vostre parole. (Lucia Lenares)

Buon'anima di Vitu coddu loncu, al maresciallo Pinacchi, continentale, che sentite le sue lamentele ( nei confronti dei GG "muntagnisi " le cui vacche invadevano il suo campo ) gli consigliò di recintarlo, rispose " ià ghià mmisu u ritticulatu, ma chiddri sautanu ca pari ca ianu a lettricu ".(Nello Benintende )

Na vota o chianu e canali di duminica matina s'ancutrani cu l'amicu sua Picuredda ca stacia o pizzu o paisi e siccommu tempu primma a picuradda c'havia mortu sa patri e chistu purtava di tantu tempu a cravatta niura . E siccommu s'ammugghieri ogni tantu a lavava e a stirava e u culuri avia addivintatu lucidu. Allura Vitu ci dissi: ahaha : 'nti ssa cravatta ti ci pouo fari a vava . Cioe ti puoi specchiare.tantu era lucida.. (Francesco Mazza)

Na vota erumu o chianu e canali e all'ura di manciari ni dissi : amuninni ca a già pignata tunia. Cioe la pentola bolle. (Francesco Mazza)

Quannu travagghiava a Svizzera abitava vicinu a OBERGLAT e travagghiava a Bülach e tutti i matini sa facia apperi e pi nun sbagghiari strata sa facia vicinu e binariu da ferruvia e dicia ca s'appinia 'nto coddu na pennila i ficu e primma d'arrivari gia s'havia allapunatu. Dicia ca i svizziri co viriunu ca pennula i ficu 'nt coddu ci paria c'avia a cruna pi scuzzulari u rusariu. (Francesco Mazza)

Sempore in Svizzera quando la sera tornava a casa dal lavoro apriva il cassetto che conteneva il pane e gli diceva " Niesci ca ta'pparrari"
 

 

© Buccheri Antica