A CONCA
Le serate attorno alla conca con la testa abbassata a guardare la cenere e ogni tanto con il cucchiaio a spostare la cenere per fare apparire la brace. Ma non troppo altrimenti s'accapa u luci
(Vittorio Salamone)


Vi ricordate U cunchieri, era un ripiano in legno piu o meno grande che nelle serate d'inverno quando ci si sedeva attorno alla conca con i piedi appoggiati al supporto in legno della conca  e si giocava a carte,e a siggitta , quasi tutti ne avevamo almeno una. I grandi fumavano e la cenere si buttava a terra,i posacenere erano pi billimentu e non si dovevano sporcare. Minchia chi tempi!!! (enzo Costantino)

le olive ai lati della conca e u mantali nelle gambe. Na 'ggirata na pulizziata e na mmuccata
(Vittorio Salamone)

e aspittari ca l'uovu ammenzu a cinniri surava (Turi Terzo)

occa scorcia 'i partuallu (Turi Terzo)

e a fini tanticchia i marsala (Vittorio Salamone)

masinnò nu bicchirittu i vinu (Marilena Calisti)

eravamo bambini. la marsala era il premio se ci mangiavamo l'uovo (Vittorio Salamone)

e se a marsala nun c'era?.....s'accummitava co vinu (Marilena Calisti)

ogni tantu un'cucciu i luci sparava e arribbausaumu (Vittorio Salamone)

e fimmini ca ci viniunu i iattareddi (Turi Terzo)

ni mittiumu i fuogghi di giurnali intra e quasetti....(Marilena Calisti)

i cchiù nichi s'assittaunu nta siggitta (Vittorio Salamone)

ma mamma si scantava e ci mittia u circiu (Vittorio Salamone)

A marsala all'uovo a vinnìa unu ca passava cu 'n camiu: tri buttigghi 500 liri  (Turi Terzo)

e nto circiu cci'asciuautu u paghiazzittu (Vittorio Salamone)

e se arriminautu sempri u luci ti riciunu: Chi ti manciunu i manu?

ogni tantu a qualcunu ci utava u coddu comu e iaddini......s'accupava (Marilena Calisti)

e qualche vota co pieri faciutu arrivulari u cucchiaru e tutta a ccinniri tannava ncoddu (Vittorio Salamone)

 'N ci poi stari tanticchia fermu! (Turi Terzo)

e a fini a nfilaumu nto liettu co circiu Era un sogno stare coricati con i piedi sopra il circio dentro il letto (Vittorio Salamone)

I cuperti erunu accussì pisanti ca nun ti puriutu mancu muovìri! (Turi Terzo)

certe sere mio padre metteva nella conca una padellina con olio aglio a spicchi olive nere acciughe a pezzettini e mpugnu i pipi russu e mentre ca friiva ci sprimia na lumia e nabbuddumu u pani. ancura m'abbamba a ucca (Vittorio Salamone)


 macari i patati n'arrustiumu na conca quannu erunu cuotti i munnaumu tanticchia i sali e cu si visti si visti...(Marilena Calisti)

e a sasizza nna carta do pisci abbagnata misa amenza a ccinniri (Vittorio Salamone)

Iú m'assittava no pizzu do cunchieri (Sebastiano Trigila)

Pì sta sira n'addubbammu, iautru ca dieta! (Turi Terzo)

 L'uovo arrostito nella cenere calda !(Angelina Airo-Farulla)

Le olive nere dentro la cenere per riscaldarli ! (Angelina Airo-Farulla)

ricordi vissuti che non si possono dimendicare a conca era tutto ciò su cui in inverno ruotava la vita quotidiana dei buccheresi, qui' da piccoli ascoltavamo i racconti dei nostri nonni le fiabe i racconti sugli incantesimi custoditi sotto nei passagg...Altro...(Tavano Vito)

 ricordo perfettamente (Antonio Buccheri)

E  ceruni chiddi ca s'arrustiunu a uliva 'nta ccinniri e chi era sapurita!!!!
Francesco Mazza

 U pani arrustutu nta conca, appena prontu ci faciumu na sciusciata e nu mangaumu, u cocca t'anticchia i cinniri ca ci arristava era bona pi spruarini a vuci....(Maria Grazia Paparone)

Tannu u friddu era pariggiu: na vota, mi cuntava ma ziu Cicciu Cipudda, po' friddu abbrucianu macari i seggi pi' cauriarisi! A nivi era tantu iauta ca nun si puriunu arrapari mancu i porti 'i 'n casa. (Turi Terzo)
 

 

© Buccheri Antica