PERLE DI SAGGEZZA BUCCHERESE


  Vorrei ricordare mio nonno ; un vecchio nonno cosž come erano una volta i nonni buccheresi.Venivamo da raccauta dove mio nonno ,aveva il suo uliveto, mio nonno si chiamava Francesco , Don Cicciu Bracazza meglio conosciuto come ( u gnuri) che per chi non lo sa vuol dire cocchiere , che era la professione di mio nonno.
Ebbene, mio nonno, ormai molto vecchio: si ferma, scende dal mulo sul quale eravamo a cavallo , tira fuori il suo coltello da innestare, e comincia ad innestare un pero selvatico che si trovava ai bordi della trazzera,aveva portato con se , da un nostro pero un buon innesto.
Quando io gli feci notare che l'albero non rientrava nella nostra proprietŗ. Lui rispose: "tantu crisci o stissu almenu cu passa si fa a vucca duci.
"Questi erano i buccheresi di una volta,e per fortuna ancora i piý sono cosž.  Un grazie a chi ci ha preceduti e insegnato un modo di vivere sano e pieno di valori. (Enzo Costantino )

  Na vota a mugghieri stacia cucennu a carni e, mancu u temppu 'i stutari a tannura morsi sa mariu. Mischina ittŗ i vuci e arrancanu 'ntoccu i genti c'aiutanu a viestiri u mortu. A carni arristŗ nta pignata e a iatta accuminciŗ a ciuriari a pignata e a mugghieri ogni tantu, pž cacciari a iatta, ripitia: "Chissi, chissi sunu li ma peni".(Turi Terzo Chista ma cuntava sempri ma mamma)

  Storiella sul mese di maggio
U Signuri ci dissi a S. Pietro:
Pietru tu chi nun tu fai ncžu i siminatu?
Signuri quannu ci lievi u misi i maiu mu fazzu.....

(Maria Grazia Randone)(di Randone Francesco mio papŗ)

  Quando mia mamma prenotÚ due posti nel nuovo cimitero per i miei zii Giovanni e Franca, chiese a mia zia quale posto volevano dato che c'erano molti posti disponibili, Lei rispose, per me quello piu in alto perche altrimenti "mi viene d'accupari"(Vittorio Salamone)

  Un ragazzo molto pigro che lavorava presso di me , un giorno questi disse a mio padre: don Santino domani non posso venire a lavorare picchž mi sentu tintu, e mio padre ...a menu mali ca tu ricanosci. Questo da noi a Buccheri si chiama smaccusu. Questa forma di ironia era molto frequente nel linguaggio comune buccherese. 
(Enzo Costantino)

  Un giorno mio padre stava dando da mangiare degli ossi di pollo al mio cane quando io gli dissi :papŗ l'ossi di pollo o cane u fanu affucari , risposta: navota na crapa saffucŗ cun filu di erba. (Enzo Costantino)

  un giorno un cliente viene a prendere un caffŤ alla Pineta, a farglielo Ť mio padre, questo, lo beve tutto d'un sorso, al chŤ mio padre gli dice...aviutu aviri siti.
(Enzo Costantino)

 

piattazzu e piattittu
Na Madri Badissa quannu visti ca purtaunu u manciari e visti 'm piattuni chinu chinu addumannŗ a monica ca sirvia:
Di cu Ť sý gran piattazzu? -
Di Vossia! - ci arrispusi a munachedda, e a Madri Badissa:
Ah u mia Ť sý piattittu!) (Turi Terzo)


 
Quando c'era la fame nera e qualcuno emetteva un rutto,
(solamente aria, nient'altro) poi ringraziava il cielo con questa frase:
Ringraziu u signuruzzu ca senza mangiari sugnu sazziu!".   Giuseppe Gaetano Trigili

 
"Pippinedda, chi.. caristi?"
"Nossignura! sciddicai".
"e li piatti, li rumpisti?"
 "Nossignura! li sciaccai."   
Giuseppe Gaetano Trigili


Una volta a mio padre un signore disse :
Vastianu, ma si cagnuoli rispettu o barcuni sunu troppu nichi"
e lui rispose :
"e ancura ana a crisciri " (Franca Trigili) foto (Tanino Cannata)


 

"Attža cu l'uovu!"  il padrone di un terreno (si pensa; Aldaresi) cercava di far lavorare i contadini piý che poteva. Di nascosto degli altri, li chiamava ad uno ad uno e gli dava un uovo bollito duro dicendogli: "Quando dico "Attža cu l'uovu!" vuol dire che devi lavorare con piý lena. E cosž fece con tutti, dandogli ad ognuno un uovo. Quando passÚ a controllare i contadini, disse a voce alta: "Attža cu l'uovu!" Ognuno pensava che ce l'aveva con lui solo. E tutti cominciarono a lavorare piý svelti. Solo che questa frase, ormai si dice ad un amico, con cui si ha un piccolo segreto o si Ť complici. (Tanino Cannata


 

Alla matrice era arrivato un parroco di origine sarda che si chiamava di cognome "porcu" (abbastanza comune in sardegna). In un piccolo paese, chiamare il proprio parroco "patri porcu" diventava un po imbarazzante, sopratutto per la struttura ecclesiastica, che fino alla condizione di seminarista aveva trascurato la cosa. Per rimediare in qualche modo , il vescovo della diocesi di Siracusa lo convocÚ per indurlo ad accettare il cambiamento del proprio cognome, se non all'anagrafe, almeno dentro la chiesa stessa. Il prete in questione facendo appello al suo orgoglio di famiglia e di sardo rispose al vescovo: "Eccellenza,mio nonno era porcu mio padre era porcu, io sono porcu e resterÚ sempre porcu. Torno quindi a buccheri orgoglioso di essere "patri porcu" (Giuseppe Gaetano Trigili)


  (banditore):
DumanÓ tuttÓ i curnuti at'a nniescÓrÓ cch'e capucci
tuttÓ o chian'e canalÓ  c'ana' ffarÓ u cÓnsÓmentŁ!!!

Marito alla moglie:
-Attia... chi m'ha ffattŁ cornÓ tu?

Moglie al marito:
-BeddamatrÓ santissima... no!
com'e' ca poi pÓnzarÓ na cos'e chissa?
ti lu ggiurŁ maritŁ mia...ma pirchž mi rici stÓ cosÓ?

Marito:
-Ma nentÓ... domanÓ an'a ffarÓ u cÓnsÓmentŁ  e tuttÓ i curnutÓ an'a niescÓrÓ ch'e capucci,
iý vulia sapÓrÓ se mi l'avia mettÓrÓ...

Finale della moglie:
-...ah beh se e' pÓcchÓssŁ... tu ppi ssi e ppi nno... mÓttÓtÓllŁ!!!

 
-M'annannŁ campŗ finŁ a novant'annÓ
-PÓcchÓ fumava?
-No. PÓcchÓ sÓ facia i cazzÓ sua

(Omaggio a Cicciu Uciddazza, )
 

 
- Comu morsi?
- Avža u burieddu avutatu.
(Tanino Cannata)

 

  Quando nel '70 facemmo un giornale a Buccheri, Antonio Dangelo scrisse una deliziosa battuta-domanda : Cosa sarebbe Buccheri senza la chiesa di S. Antonio?--
Risposta: tuttu mantalinaru .(Nello Benintende)
   

PERLE DI SAGGEZZA BUCCHERESE
ť una selezione di storielle in gran parte pubblicate su Facebook
 dai generosi buccheresi che lo stanno incrementato minutamente e che  permette di identificare un periodo, un luogo, una persona, un modo di dire e comunque l'anima  tipicamente e univocamente buccherese

 

© Buccheri Antica