I IOCHI DI NA VOTA
i nanni ni diciunu:
si joca fimmini che fimmini e masculi che masculi
masinnò u parrinu vi scumunica


acchiappari i lapuni ca si pusaunu ne sciuri

a cozzacatummila anfacci e vecchi mura c'era un mezzo cerchio di ferru attaccatu o muru, tutti i voti ca si passava di da' si faceva a cozzacatummila

a cu s'avvicinava a linia da mattunella dopu ca vinia tiratu all'aria e caria. ( si iucava che sordi o chianu i canali)

a fussidda ; che nuciddi

alle sarte ...

ammuccia

ammuccia co friscu

annari o cimiteru i notti
e cu scappava pi primu era scantulinu

cuannu niscinu a palla ca corda a sautari

Attia chi porti dduocu....pane e vinu.......a cu lu porti? ....... a San Martinu........e chi ti duna? un carrunieddu........lieva lieva sù martieddu!!! (Maria Grazia Randone)

balena ( si jucava ca tutti i carusi acchianaumu ne scaluni e se scinniumu c'era chidda ca n'acchiappava)

battaglia navali

briscula a n'cincu

buoi buoi

ca corda
(si dicia pira pesca limone arancia mandarino)

ca lasticu

ca licaccia

ca manupattila

ca pasta colorata
faciumu i collane

ca vava nto muru

cani e cunigghi

canniedda
era U stuppagghiu de bombuli do gas unni di supra si ci pusaunu i sordi. Appuoi si tirava a rontella o a ciappiedda e ti facia lischia. I sordi ca cariunu vicinu a ciappiedda i vinciutu chiddi ca cariunu vicini a cannienna ristaunu in'gnocu (Sebastiano Trigila)
-----------
A canniedda, era di solito un bottone abbastanza grosso che si metteva alla base del mucchietto di monete che andavano messe sopra, di solito noi pero giocavamo non con le lire correnti, ma con le vecchie monete ormai fuori corso del regno d Italia. Infatti contro il muro si tirava u carrinu. Quando per puro culo si riusciva a far saltare a canniedda al primo tiro favevamo lischia, se non ricordo male. (Enzo Costantino)
----------
Sì giocava con i soldi fuori corso c'era la lira ,mezza lira i chiapparuni e altri (Giuseppe Cataldo)
---------
 A canniedda era nu iocu c'avia i stissi reguli do mastro (ca si iucava che petri): vincìa cu mittia a runtella o u sordu sua chiù vicinu o stuppagghiu unni c'eruni misi i sordi. Si dicìa fari lischia quannu s'arriniscia a primmo corpu a fari cariri i sordi chiù vicinu a runtalla sua rispettu a canniedda. Chiaru? (Turi Terzo)
-----------
nel gioco da cannieddra generalmente utilizzavamo la moneta da 2 lire o una rondella perchè le monete da mezza lira e quella da una lira erano troppo piccole e leggere per avere una stabilità nel lancio verso a cannieddra che era quasi sempre un bottone molto più grosso ed in mancanza di questo si usava qualcosa che potesse somigliare e svolgere il ruolo come ad esempio i tappi delle bibite (Tavano Vito)
-----------

 U iocu  da cannieddra iera divisu in 3 parti a prima iera pi dicidiri l'ordine pi tirare versu a cannieddra e pi fallu Co sordu o ca rondella si tirava versu o muru e si stabiliva l'ordine di tiru in base a cura iera chiu vicinu o muru sacunna parti si tirava versu a cannieddra circannu di fari lischia a terza parti si ziccava contru a cannieddra e fari carriri i sordi cchiu vicinu possibili a rondella rispetto a cannieddra e chisti si vinciunu (Tavano Vito)


Cciappiedda 
Il gioco della cciappiedda si giocava in una specie di nicchia (scavata a ridosso di un muro) dove si mettevano un bel po' di soldini e poi si tirava una pietra (detta cciappiedda) da una certa distanza e vinceva chi riusciva a farla arrivare più vicina al mucchio. .(Vito Gambilonghi)


che buttuni i llanna

che cannazzuoli
ca calia, che milliccucchi o che strisci i carta

che fucili a gummini

che furcieddi

che palli di vitru tutti culurati

che pistoli a caps e a gommini

che pupi

che pupi di pezza fatti che tovaglioli....

che roti i' motocicletta

circari passarieddi caruti do niru i
tiraumu ne tetti. e certi voti c'era a iatta ca aspittava

co carrettu

co coculu
Cu vincia, ristannu a ddritta spaccava a cocola i lautru, picchi ccia' tirava ncoddu ccu forza e u chiovu i ferru arriniscia a spaccalla!!

co scassu

co sciusciuolu

co tuppettu

cu a cumedia
(l'aquilone )

cu a palla i pezza

cu l'arcu

co u circhiuni da bicicletta

cullonni cullonni

culuri culuri.......

cuogghiri a muri

cuogghiri i rrizzi de castagni
pi purtalli a scola ...ni spinaumu tutti

cuogghiri u lippu po presepi

cursa che sacchi

disignari na lavagna i tituli de canzuni
e aviumu anzirtari

e bandi (c'era chidda do castieddu chidda da lifisa chidda da bbadia

E belli statuini

e bummili -
Chiddi ca si rumpiunu po' primmu maggiu

e catinelli che ziccuni  vi riurdati ca i catinelli erunu a forma di S e a forma di C

e catinelli na fussitta

e cumari

e cunigghi a S.M. Maddalena
e i timbulati ca si scippavunu e si davunu ....cosi di iautri tempi ca i carusi di ura nun ponu capiri

e pitruddi

E scorpi U jocu de scorpi :
si faceva un bastone circa 40 centimetri lungo ed uno piccolino di 10 centimetri il quale si appuntivano le estremità . poi in una posizione lo sfidande gettava il Piccolo legno detto u scorpu e l'altro doveva colpirlo , naturalmente u scorpu si scagliava lontano e con il bastone si misurava la distanza dove era arrivato u scorpu il giocatore aveva tre possibilità di battere u scorpu pi fallu annari cchiu luntanu possibili. Si stabiliva il gioco chi per prima aveva raggiunto le cento misure del bastone la squadra perdente doveva portare i vincitori a cavaddittu.

fari archi co lignu de nuciddi i
l ortu p. e i frecci che raggi i lumbrelli

fari capanni

fari casitti ne voschi

farini i bagni nuri a pressumarenu o a friscalia o a chiana

fornaia e' cotto il pane

formando un semicerchio con un certo numero di ragazzi. Il primo/a attaccata al muro che faceva la fornaia e l 'ultimo sempre attaccato al muro faceva il cliente. Cliente: fornaia e' cotto il pane ? fornaia: mezzo cotto e mezzo bruciato. cliente: chi l' ha bruciato ? la fornaia diceva il nome di chi aveva dato la mano alla fornaia e si diceva quel nome dicendo che sarebbe stata incatenata e cosi la bambina nominata formava sempre la catena ma girata all ' esterno. Alla fine fornaia e cliente tiravano ( come si fa con la corda ) e vincevano quelli che rimanevano prese per mano e tiravano le altre fuori dal segno. Sebastiano Rosa Giaquinta

fulippedda a ( moscacieca )

futtiri ggirasi nte campagni

i sciddicati
de scali i sant'antoni quannu carìa a nivi

i zampugni

linichi linichi

loca

loca chidda quatrata o chidda a farfalla

marianna
(iocu che carti)

quannu jucaumu ammucciari ocche cosa e l'autri aviunu anzirtari

a muccia ammezu e machini o chianu e canali quannu c'erunu i machini posteggiati

ni faciumu i spilli cu l'erbaventu n'ampiccicaumune rrobbi

O bacarà 

o
ciusciu

o dutturi

O fazzulettu

mani in alto a

mastru  U jocu o mastru.
Consisteva ,prendevamo una pietra che potesse stare all'impiedi e sopra ci si posizionava un piccolo sasso. Normalmente eravamo due squadre ed ognuno di noi si aveva scolpita una pietra a forma di un piatto . Poi si tirava facendola scivolare e colui che con la sua pietra chiamata cciappiedda era vicino al sassolino prendeva il punto. In sostanza era come se si giocava a bocce

mazzettu o

nniulu nnaulu picuraru
il bambino molto piccolo prende il naso dell'adulto e dondolando la testa a destra e sinistra si ripeteva ( nniulu nnaulu picuraru)

palluni o

O parmu azzeccati buttuni

e pitruddi

scientificu o

 a scinni e attravacca

o sciusciu

o sciusciu che cartelli
(si chiamavunu accussì tannu) de iucaturi, unu de miegghi posti era 'nte scali a latu a veduvu allegra, unnu na vota c'era a sizzioni do partitu cumunista; quann'erumu chiù ranni ci annauvumu a iucari e carti, a scala o o'raminu
U postu miegghiu pi' iucari a canniedda era a manedda o cantu o Muntilauru, unni ura s'ha fattu a casa Bittuzza (Turi Terzo)
unu ca sbullava a tutti era Enzo Ragusa (buon'anima) (Santo Santoro)
Vero, era a scuola con me, era venuto dalla Germania dove i suoi genitori erano emigrati. Mi pare che si è sentito male proprio sulla scala dove giocava.....
U primmu iornu ca Enzo Ragusa vinni a a scola ci addumannammu: Chi sì forti? N'arrispunnì ca era forti e allura ci dissimu:Se sì forti fattilla cu' Francu Pedara, ca era beddu acchiattunatu. Si strarrianu e Francu ci fì scattari u sancu do nasu, o poviru Enzu. Appuoi u maestru Cesiri ni ni rissi na carrittata. Nun mu pozzu scurdari.(Turi Terzo)

sulitariu o

tivitti !O

o trissetti

o ziccu

padri girolamo
Se non ricordo male poi continuava....niesci padri girolamo che sa figghi

Palla avvelenata

palla unu,
palla ...

palu da cuccagna

parapeu

pietti e spaddi a muru

pigghiari i laceddi che fili i erba

quannu faciumu i seggi che manu ancruciati
e faciumu a gara cu durava chiù assai a tieniri na carusa assittata mentri ca caminaumu

ricampari ligni pa scinzioni

rumpiri cannalati paisi paisi..
ura si po diri, mi chiamaunu ..santru

rumpiri lampadini che licacci

sciacca o ballata

sciddicari o sghiccettu quannu cera a ilata

A Sciddicuni Nella Scala di Sant'Antonio : per giocare prendevamo una tavola del letto e in un lato la insaponavamo col sapone di casa e poi ci sedevamo sopra e scivolavamo per tutta la gradinata fino ad arrivare a Piazza toselli. La buon'anima do vigili Don vituzzu darrigo ci seguestrava la tavola e la metteva vicino al comune . Ma dopo che lui andava nell'ufficio la riprendevamo e poi di nuovo giu a scivolare.

scinni e attravacca

scinni scinni tirrinieddu , ca ti sonu la matroccula..

scupa

sunari campanelli

testa o cruci

tombola ca fasola

trummitta
quannu ni faciumu a trummitta ca ristuccia

tuppuliari porti paisi paisi

unghiari i rani do culu

u jocu do pipi:
annaiu all'ortu e cosi npipi.........aiaihaiaih u

zicchinetta

I IOCHI
DI NA VOTA
é una selezione di giochi popolari in gran parte pubblicate su Facebook
 dai generosi buccheresi che lo stanno arricchendo continuamente con le loro testimonianze

Se vuoi inserire
un giococlicca qui
per inviarcelo

 

 

© Buccheri Antica